Blog \| Roar Magazine
Venerdì, 29 Maggio 2015 23:22

Cosa sono i cookie?

I cookie sono file di piccola dimensione che i siti web installano sul browser dell'utente che lo ha visitato e da cui ricevono informazioni: sono usati ad esempio per eseguire e ricordare le autenticazioni informatiche, effettuare il monitoraggio di sessioni e memorizzazione i dati di navigazione dell'utente.
Spesso i cookie sono fondamentali per il buon funzionamento del sito.
Esistono diversi tipi di cookie, a seconda delle informazioni che registrano e all'utilizzo che il sito ne fa, e a seconda della categoria a cui appartengono, necessitano o meno del consenso dell'utente. I cookie tecnici non hanno bisogno del consenso, secondo la legge italiana (art. 122 Codice Privacy): sono quelli indispensabili per il funzionamento del sito stesso, o per permettere il funzionamento delle attività richieste dall'utente (come ad esempio un'autenticazione), quelli che servono a raccogliere informazioni in forma anonima ed aggregata per valutare il numero di visite complessive e altre informazioni utili per la strategia del sito, e infine i cookie che permettono ai siti di migliorare l'esperienza dell'utente, come ad esempio ricordarsi la lingua scelta.
Ci sono poi i cookie di profilazione, che hanno bisogno di un consenso esplicito ed informato dell'utente per essere installati sul proprio browser. Sono i cookie che servono ad identificare l'utente e registrarne dati personali e comportamento, e che sono poi usati a fini di marketing ad esempio per pubblicità mirata.

Quali cookie utilizza www.roarmagazine.it?

I cookie utilizzati da www.roarmagazine.it sono esclusivamente tecnici e sono utilizzati per raccogliere dati statistici in forma anonima per migliorare il sito stesso. Non trattando i dati personali e non procedendo ad alcuna profilazione, non è necessario il consenso dell'utente, ma rimane suo preciso diritto conoscere quali cookie vengono installati sul proprio browser e a cosa servono.

I cookie utilizzati da www.roarmagazine.it, nello specifico, sono:

• __atuvc e __atuvs: sono cookie associati con il widget AddThis, comunemente integrati nei siti web per consentire ai visitatori di condividere i contenuti attraverso i social network, e memorizza anonimamente il numero di condivisioni di ogni pagina in modo. Il cookie __atuvc viene cancellato dal browser dopo 2 anni dall'installazione, mente __atuvs dopo 30 minuti.

• _ga e _gat: sono cookie associati con Google Analitycs e permettono di calcolare il numero di visite delle pagine di www.roarmagazine.it, raccogliendo i dati di sessione in forma aggregata ed anonima. Il cookie _ga viene cancellato dal browser dopo 2 anni dall'installazione, mente _gat dopo 10 minuti.

• fbd90218864b775a52d8400bcb61c4f5: è un cookie di sessione che monitora le attività sui social network dei visitatori di www.roarmagazine.it - come ad esempio le condivisioni o quante volte una pagina viene aperta grazie ad un link proveniente social network - al fine di calcolare il traffico di dati tra i vari social network e il sito stesso, in forma aggregata ed anonima. Questo cookie viene cancellato ad ogni chiusura del browser.

• leo_magazine_tpl: è un cookie che permette a www.roarmagazine.it di ricordare il tema scelto dal visitatore durante le sue precedenti visite, nel caso abbiamo ad esempio modificato il colore dello sfondo o la dimensione del carattere. Questo cookie viene cancellato dopo 30 giorni.

In nessun caso www.roarmagazine.it utilizza cookie per la registrazione dei dati personali dei propri utenti.

L’utente può in ogni caso impedire il download dei cookie dai siti web, modificando le impostazioni del proprio browser: è tuttavia possibile che bloccando i cookie, www.roarmagazine.it risulti non navigabile, o alcune sue funzionalità siano disattivate. Per maggiori informazioni sulla gestione dei cookie è possibile consultare le istruzioni relative al proprio browser:
• Internet Explorer (http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies)
• Firefox (https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie)
• Chorme (https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it&topic=14666&ctx=topic)
• Opera (http://www.opera.com/help/tutorials/security/cookies/)
• Safari (https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=en_US&viewlocale=it_IT)

Per maggiori informazioni riguardo ai cookie FAQ (http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/2142939)

e-max.it: your social media marketing partner
Giovedì, 09 Giugno 2011 11:56

ROAR MAGAZINE - IL PROGETTO - Che cos'è Roar Magazine?

"Un sito internet. Di recensioni, più o meno.": beh, Roar Magazine riduttivamente può essere definito così. E' un po' come chiedere a qualcuno "Cos'è Lost?" e sentirsi rispondere "Una serie tv". Se vogliamo metterla sotto questo regime discorsivo, Roar Magazine è un sito internet di recensioni.Roar Magazine - Il progetto

Se questo vi basta, potete anche interrompere qui la vostra lettura e riaccendere la tv.

Se questa risposta pre-confenzionata come una mozzarella primo prezzo non vi basta, siamo sulla stessa lunghezza d'onda.

Roar Magazine è un progetto giovanissimo, praticamente un bebè del web in continua evoluzione. E' nato nel non lontano 2010, durante un pranzo di compleanno al Mongolian Grill, un ristorante mongolo che propone menù a prezzo fisso della tipologia All u can eat. Il profilo economico di quelli che sono stati i fondatori era notevolmente basso e inversamente proporzionale al loro background culturale. Roar è nato in contesto totalmente low cost: low-cost non vuol dire low-profile.
Almeno non per noi.

FORSE PERCHE' ROAR E' FIGLIO DI UNA GENERAZIONE SENZA VALORE - Una generazione che non sa quanto vale perchè nessuno gliel'ha detto. Una generazione che da sola si è data la risposta che cercava: questa generazione non vale niente.

Non vale niente perchè non può volere e/o valere qualcosa. Una generazione derubata del futuro da imperatori anziani senza alcuna prospettiva se non la propria. Una generazione di nani sulle spalle di giganti teledipendenti.

Una generazione, sembrerebbe, nata stanca e indesiderata. Una generazione per cui non c'è posto. Una generazione, appunto, senza valore.
Eppure, incredibilmente piena di valori. Nonostante tutto. Siamo l'inizio del futuro, di tempi migliori. Senza lavoro, senza prospettive, senza valore.

Per noi che viviamo in questa dimensione di disinteresse totale da parte di chi governa, da parte di chi dovrebbe essere di esempio, da parte di chi dovrebbe investire nel nostro talento, almeno per noi, NOI ABBIAMO VALORE.


Con Roar Magazine ci siamo voluti riprendere la cultura, ci siamo voluti riprendere noi stessi per affermare a voce alta che per noi c'è posto, che noi esistiamo e che non permetteremo a nessuno di rubarci il futuro, l'identità e la capacità di essere meravigliosamente umani.

Che cos'è Roar Magazine?

Non c'è una risposta giusta oppure una sbagliata. Secondo me, Roar è una dichiarazione d'amore verso la condivisione libera della cultura.
Ai posteri poi, l'ardua sentenza.


Quello che mi sembra giusto fare, è ringraziare uno per uno gli attori che hanno dato, che danno e che daranno vita e vigore a Roar Magazine.


A tutti quelli che erano presenti al Mongolian Grill il 3 Marzo del 2010, ovvero Roberta, Valentina, Marcello, Elisa, Marco, Alessandra.
A tutti quelli che per un po' sono stati parte della nostra avventura ruggente, come Marcello che ha popolato la nostra sezione cinema, Alessandro e Marilde per l'area GDR.
A tutti quelli che sono i nostri turnisti, ovvero Enrico per la sezione sport, Marcus per l'angolo umoristico e Loris LSD per la sezione serie tv.
A chi per primo ha creduto in Roar, quando ancora ero scarabocchio del web, Emanuele, e che ci ha aiutato a crescere costantemente, soprattutto dal punto di vista qualitativo, con articoli eleganti e mai banali.
Ad Athena Editoriale, ovvero Eleonora e Raffaele, che hanno scelto di condividere con noi un meraviglioso progetto culturale unico in italia.
A Sara, che ha dato l'opportunità a Roar di trattare il caso di Wei Wei con passione, come tanti non hanno saputo fare.
A Silvia, che ha dato spessore ai nostri quaderni di viaggio nonostante i mille impegni.
Ai nostri redattori attuali, a Bebo, la nostra penna bianca che gioca coi suoni delle parole e della musica, a Francesco con i suoi puntuali aggiornamenti sportivi, Susanna con le sue chicche culturali, a Stefania con il suo amore per la letteratura, a Giorgio Luigi B con la sua costante ricerca di libri unici, a Marco con la sua addiction per l'audiovisivo, a Raffa con il suo doppio ruolo di articolista fra Athena e il cinema, a Giovanni, la nostra sorprendente new entry che ha dato a Roar un brio inaspettato.

A chi umanamente sostiene le due mamme di Roar, Loris ed Enrico, che sono spesso costretti a mettersi da parte per far si che Roar vada on line ogni giorno e cresca qualitativamente e continuamente senza mai staccare la spina.

Alle mamme di Roar, Roberta e Valentina. Roberta, responsabile editoriale, autrice di Roar e "mamma finanziatrice" che ogni sera corregge, impagina, cura, pubblica, condivide, insomma ... accudisce Roar in ogni sua forma per renderlo il meraviglioso salotto culturale che è. Valentina, webmaster, autrice e "mamma finanziatrice" che ogni sera ottimizza, indicizza, rompe il sito, poi lo ri-aggiusta e poi  ... ecco è un circolo  senza fine.

Roar - Ringraziamenti

A tutti loro Roar Magazine dice grazie. Manca solo un ultimo ringraziamento finale... a tutti voi, amici, lettori, followers o come volete chiamarvi, che ci seguite, ci consigliate e ci aiutate a crescere. Grazie a tutti quelli che ci hanno dato supporto tecnico, come Ale o Iro, grazie a tutti i nostri commentatori, agli intervistati e a tutti coloro che hanno capito, compreso e appoggiato lo spirito di Roar. Grazie al forum di Joomla e agli sviluppatori. A tutti, grazie di cuore. Noi continueremo ad andare avanti e a crescere rivendicando il nostro diritto a una cultura condivisibile, low-cost ma high-profile, al nostro diritto al libero pensiero e al piacere del confronto.

Dite un po', ma ve lo immaginavate che dietro questo piccolo agnello ruggente ci fossero tutte queste anime?

 

Conosci la Redazione di Roar Magazine --> La redazione di Roar.


Scrivici a 
redazione[a]roarmagazine.it

La sede di Roar Magazine è dislocata in tutta Italia.

Editing e management dei contenuti sono effettuati a Milano.

Sviluppo e posizionamento sono effettuati a Bologna.

 

e-max.it: your social media marketing partner
Domenica, 05 Dicembre 2010 17:09

Logo Dharma ROAR07-12-2010 - Ore 22:00:18 - ROAR is Back !!

Probabilmente ci avevate dati per dispersi come i passeggeri del volo 815 della Oceanic... non ci siete andati tanto lontan, con la piccola differenza che noi siamo tornati con delle spiegazioni credibili e prive di salti logici. E ci abbiamo impiegato anche meno di sei stagioni.

Finalmente siamo tornati più belli e più ruggenti che mai.

Le nostre non richieste opinioni sono quindi a vostra completa disposizione!

Le tante inaspettate visite hanno reso impossibile continuare l'esistenza di ROAR su un servizio di hosting gratuito e quindi -- e qui un po' ce la tiriamo - siamo ufficialmente su un  server che in 0.11 secondi vi permette di visualizzare le nostre reviews.

La manutenzione è stata lunga e dispendiosa - soprattutto per quello che concerne gli psicofarmaci assunti dalla neowebmaster.

Certo non ci guadagneremo mai un soldo con Roar, butteremo del tempo libero, i nostri fidanzati ci diranno che siamo sempre davanti al computer, ma a noi in fondo ci piace dare qualche consiglio cinematografico, televisivo, musicale, ecc.

Noi redattori e free-lance (si abbiamo anche i free-lance) siamo tutti il risultato pessimistico di un'Italia che non ci ha mai trasmesso grandi speranze. Vista quindi la rassegnazione che ci contraddistingue, abbiamo voluto almeno iniziare una cosa che ci piace, dedicandogli qualche ora al giorno al di fuori dei nostri stage, master strapagati e uffici tristi. Speriamo che anche per voi sia uno svago e che Roar riesca a darvi qualche informazione utile e opinione semi-autorevole.

Continuate a seguirci e scoprite le novità di ROAR, come il nuovissimo modulo di commenti e il nostro canale you tube (youtube.com/roarmagazine)

 

Stay tuned..e ricordatevi che ROAR vi lovva sempre di più!!


e-max.it: your social media marketing partner
Venerdì, 12 Novembre 2010 12:15

Cari Roaring Reviewers,

questa è una sorpresa tutta dedicata a voi. Finalmente ho trovato 5 minutini per aprire il nostro ROAR corners, un non-luogo che risiede in ognuno di noi, per esprimere alcune riflessioni sulla realtà di ROAR Magazine. Riflessioni e impressioni che forse non sono visibili a chi ci legge dall'esterno.

ROAR è nato all'inizio sotto una cattiva stella, o sotto la stella di Paperoga - come raccontavo nel Primo Belato di ROAR.

Nonostante tutto, è andato avanti. E sta andando avanti. E cresce in termini di maturità e qualità.

Personalmente ROAR è il mio primo pensiero quando mi sveglio e l'ultimo quando vado a letto perchè, Silvia mi concederà il  copyright della citazione, per la prima volta non mi sento "INTELLETTUALMENTE SOLA".

 

e-max.it: your social media marketing partner
Domenica, 05 Settembre 2010 22:25

Errori irreversibili, cartelle non scrivibili, tutorial uppati da emeriti incompetenti, calendari recitati ed altre esperienze alla Paperoga.. ma alla fine,  l'Agnello pubanner R.O.A.R. recensioniò finalmente fare ROAR.

Con una gioia a tratti esplosiva, a tratti sprezzante e a tratti semplicemente distaccata, il progetto ROAR ha visto la luce.

Insomma, non ancora completamente: il csm ogni tanto si ribella, i template posseggono il pc e i plugin si attivano da soli ...

ROAR è nato sotto la stella di Paperoga, discusso intorno a un pranzo al Mongolian Grill e progettato su una cerata verde flash in un abitazione sita in uno sconosciuto paesino dell'entroterra marchigiano (Castelfidardo...e ringraziate  di non conoscerlo).

Inoltre, dulcis in fundo.... la maggioranza della redazione viene dal Corso di Laurea in Discipline Semiotiche dell'Università di Bologna ...e uno è un ingegnere meccanico...

Insomma, forse ci saremmo dovuti chiamare l'Armata Brancaleone del web...e non è detto che non lo faremo!

 

e-max.it: your social media marketing partner

LE NOVITÀ

Netflix
Serie tv Cult
film 2015
Film tratti da libri

cappellosenzatesta-loris-dogana-banner

Calendario

« March 2017 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Seguici su Facebook

 

Le nostre interviste

SCELTI PER TE

Seguici su G+

CAPPELLOSENZATESTA