Diventa Fan di Roar Magazine su Facebook Segui i tweet di Roar Magazine Segui Roar Magazine su Tumblr Segui Roar Magazine su Pinterest Segui Roar Magazine su LinkedIn Segui i tips di Roar Magazine su Foursquare Guarda i video di Roar Magazine su YouTube Iscriviti gratis ai feed di Roar Magazine

Sabato, 25 Ottobre 2014 20:31
0

Vincitori inaspettati per la nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma che premia

Venerdì, 24 Ottobre 2014 08:49
0


Avete presente la scena di "Reservoir Dogs" in cui un delizioso quanto sadico Mr. Blonde

Giovedì, 23 Ottobre 2014 07:05
0

Andrea Di Stefano esordisce alla regia con Escobar: Paradise Lost, film ben accolto a Toronto

Mercoledì, 22 Ottobre 2014 18:28
0

Tokyo Fiancée di Stefan Liberski è in concorso ad Alice nella città, sezione autonoma

Martedì, 21 Ottobre 2014 08:17
0

Ogni lettore in fondo è un piccolo regista. Alzi la mano chi non ha

Lunedì, 20 Ottobre 2014 12:32
0

Dopo Millennium – Uomini che odiano le donne e la parentesi televisiva di House

Lunedì, 20 Ottobre 2014 12:20
0

FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA 2014 - I FILM, LE RECENSIONI E LE

Lunedì, 20 Ottobre 2014 09:01
0

Eccoci con la consueta rassegna stampa della settimana appena trascorsa: qui non troverete notizie di

Ultime Notizie

Chi fa comunicazione deve accettare la precarietà

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

pentole mastrotaCHI FA COMUNICAZIONE DEVE ACCETTARE LA PRECARIETA'

- Non è nè facile a dirlo, nè facile a pensarlo. Tanto meno accettarlo. Questo non è un diktat nè tanto meno una illuminata presa di coscienza. Nè una resa. Anzi, forse si: è una resa.


Una di quelle bandiere bianche che non mi sarei mai aspettata di sventolare in una fredda e umida mattinata bolognese. Una di quelle bandiere bianche ... che dopo tanto credo sia giusto tirare fuori e mostrare con un po' di orgoglio.

Insomma, passiamoci una mano sulla coscienza e ammettiamolo: chi di noi pensava davvero che ci fosse bisogno di comunicatori capaci?
Chi pensava davvero che il mercato volesse artisti della parola?
E, detto fra noi, chi pensava davvero di avere la stoffa per diventarlo?

Mastrota tutta la vita: con le sue lussureggianti batterie di pentole, sinuose e morbide. Con rotondità che farebbero invidia ai seni perfetti di una graziosa modella un po' monella.

MASTROTA: PENTOLE E TAPPETI

Comprerei tutto da quella fronte sudata. Da quel suo dito bruttarello ma convinto dell'affare che sta indicando. 
Pentole, tappeti, mountain bike, pentole senza coperchi e coperchi senza pentole. Posate, coperte. Coperte per posate. Insomma, cosa non comprerei da Mastrota?


E fra lui è me, qual è la differenza, qual è la qualifica che ci porta su piani diversi?

LO STIPENDIO MI RENDE DIVERSA DA UN VENDITORE DI PENTOLE

Come ogni comunicatore che si rispetti, guadagno molto meno. E cucino con molta più fatica. Non ho infatti le pentole del venditore di pentole.

Sono sicuramente meno in forma del venditore di pentole: non ho nè la sua pentola a vapore nè tanto meno la sua montain bike con cambio shimano (che poi, detto fra noi, ma questo cambio shimano non mi sembra abbia fatto proprio bene alla generazione passata....).

finalmente una foto del cambio shimano


UNA VITA IN FILA ALLE POSTE - Inoltre la mia vita, come ogni comunicatore, è alquanto noiosa. Colloqui inconcludenti in cui ci si litiga in 100 lo stesso pidocchiosissimo osso.
Una vita di stage, perchè non si è mai abbastanza preparati. 
Le pentole, invece, sono sempre quelle.

E allora via, curriculum via mail e cartacei: fra una bolletta e l'altra, il comunicatore si trova sempre in fila alle poste per ricaricare la postepay, per comprare una decina di biglietti sul sito di trenitalia, per colloqui che non lo porteranno da nessuna parte.

"Inutile, la vita del comunicatore": si, lo penso anche io. E lo pensa anche il mondo intero. Il motivo? Perchè è vero. Punto. E la precarietà è la condanna che gli assegnato la società.

C'è solo un piccolo aspetto, trascurabilissimo, in tutta questa vicenda: la vita del comunicatore, l'esistenza stessa della professione, non è inutile poichè non spendibile sul mercato, ma inutile in quanto il mercato non la sa riconoscere.

La mia bandiera bianca, da stasera infatti, la dedico e la consegno non a tutti i miei compari, comunicatori precari. No, non a loro. Questa bandiera bianca la dedico a tutti quelli che pensano che la comunicazione sia un'attitudine, una cosa che non c'è bisogno di studiarla, perchè "tanto la impari".

La dedico a tutti quelli che preferiscono assumere per pochi spiccioli i venditori di pentole e non i comunicatori. Perchè quelli veri costano troppo ... e quando ti dicono che sei un fallito, te la mettono giù in maniera talmente sopraffina che non te ne sei nemmeno accorto, ma già ti fai schfo da solo.

La dedico decisamente a questa Corte dei Miracoli contraffatti, con cui poco o niente vorrei avere a che spartire. Perchè non mi dà stimoli.
Se non quello di puntare il dito e vendergli un'altra pentola.

Di quelle abbinate al microonde e al set di coltelli (sopratutto dopo aver visto il video seguente).

 

Noi, formichine derise da questo Circo mal riuscito, sediamoci un attimo sull'auto dei clown tristi ...e apriamo gli occhi: abbiamo permesso noi a questa platea di tirarci su per pochi spicci. Convinti che prima o poi la platea si sarebbe passata una mano sulla coscienza e avrebbe riconosciuto i nostri meriti.

Fanno meglio di noi, ogni giorno, i venditori di pentole, mentacatti della comunicazione, con poche idee scadenti nella testa. Eppure semplici. 
"La coerenza non esiste. E se esiste, si prende troppo sul serio".

Clown triste che si prende sul serio

Segui 

Musica

Libri

LE NOVITÀ

Festival del Film di Roma 2014
serie tv 2013 2014
cappellosenzatesta-loris-dogana%20original

Calendario

« October 2014 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Cerca per autore

HOT NOW

Join Us On Facebook

 

Le nostre interviste

Seguici su G+

TROVATI IN RETE

 

Default Theme
Layout Direction
Body
Background Color [r]
Text color [r]
Top
Top Background Image
Background Color [r]
Text color [r]
Bottom
Bottom Background Image
Background Color [r]
Text color [r]