Dear White People | Serie tv. Come ti faccio capire il razzismo contemporaneo in 10 episodi Featured

Martedì, 30 Maggio 2017 08:57
  • Written by 
  • DISQUS_COMMENTS

Dear White People serie tv

Dear White People è una comedy rilasciata ad aprile 2017 da Netflix, dal tema tutt'altro che banale.

Come suggerisce il titolo qui si parla della questione razziale negli anni '00 negli Stati Uniti una volta tanto alla parte dei ragazzi di colore. Una tendenza, quella televisiva di mettere finalmente al centro una porzione della popolazione spesso e volentieri relegata a ruoli di macchietta o marginali, esplosa soprattutto nell’ultima stagione, vedi The Get Down e Insecure.  


DEAR WHITE PEOPLE - TRAILER & TRAMA


Dear White People è innanzitutto un film del 2014 presentato al Sundance Film Festival di Justin Simien, lo stesso che ha diretto e scritto la serie tv di Netflix. 

Come il film, anche la serie segue un gruppo di studenti di colore in un prestigioso Ivy League college - le università esclusive dove in genere vanno i ricchi americani - fra razzismo taciuto, tensioni con dirigenza e rivendicazioni.

Tutto inizia con una festa organizzata da un giornale satirico della scuola, un blackface party, dove gli invitati sono chiamati a travestirsi da personaggi di colore famosi. A questo vilipendio la Black Union, associazione studentesca di ragazzi di colore capitanata da Samantha e Reggie, proprio non ci sta.

Sarà da qui in poi che la Black Union dimostrerà a tutta la scuola l’ipocrisia bianca e il forze retaggio razzista dei loro compagni di università.

 Dear White People 2017

Dear White People è una comedy con spiccati spunti dramedy, che spiega a un pubblico - anche a un pubblico incolto sull’argomento come quello italiano - quanto il miraggio della società multietnica americana sia ancora lontana da tanti punti di vista. Ce lo spiega la protagonista Samantha White (Logan Browning), la voce di questa storia, conduttrice radiofonica che con il suo “Dear White People” sottolinea ad ogni puntata le idiosincrasie del suo tempo.

E il razzismo passa anche dall’autoflagellazione di chi ne è vittima: due i personaggi Troy (Brandon P. Bell), leader affascinante che nella sua vita ha avuto il solo scopo di essere perfetto così che le persone potessero fidarsi di lui e del colore della sua pelle, e Coco (Antoinette Robertson), che per diventare accettabile per i suoi compagni bianchi cambia tutto di lei: nome, pettinatura, vestiti.

I'm not racist 

E vedendo la serie tv tutta d'un fiato non si può fare a meno di riflettere su un altro lato della questione: esiste o meno il razzismo al contrario? 

| SPOILER |

Samantha ha un ragazzo bianco, ma non vuole dirlo ai suoi amici perché perderebbe di credibilità di militante. In più le battute e gli stereotipi nei confronti della popolazione bianca sono gretti e poveri di contenuto esattamente come quelli della controparte, ma come dicono in Dear White People “Il razzismo descrive un sistema di vantaggi basati sulla razza. Le persone di colore non possono essere razziste perché non godono dei benefici si questo sistema”.

E allora le accuse mosse alla serie tv di essere razzista nei confronti dei bianchi decadono immediatamente: razzismo significa confermare stereotipi che già esistono, già sono negativi e hanno effetti concreti nella vita di tutti i giorni. Il ragazzo nero pericoloso e arrabbiato, ma senza pistola, che viene arrestato brutalmente dagli agenti della polizia e subito considerato pericoloso, per esempio. 

Dear White People GIF

E tolto il contenuto di questa serie tv, parliamo dello schema rispettato in tutti e 10 gli episodi.
Ogni puntata si concentra sul punto di vista di un diverso personaggio: la storia e gli avvenimenti principali sono i medesimi, ma si guarda sempre da una nuova prospettiva. Questo alleggerisce, alimenta un po' il lato romantico della serie tv e soprattutto dimostra come su razzismo e privilegi ci siano tanti lati da dover considerare.

Solo il punto di vista di un bianco in 10 episodi: Gabe (John Patrick Amedori), il ragazzo di Samantha, l'unico barlume che ci fa sperare in un vero futuro multietnico. 

Seguici anche su Facebook 

 

e-max.it: your social media marketing partner
Last modified on Martedì, 30 Maggio 2017 08:59
Rate this item
(1 Vote)

LE NOVITÀ

Netflix
Serie tv Cult
film 2015
Film tratti da libri

cappellosenzatesta-loris-dogana-banner

Calendario

« June 2017 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Seguici su Facebook

 

Le nostre interviste

SCELTI PER TE

Seguici su G+

CAPPELLOSENZATESTA